contentmap_module

Vacanze al mare

Isole tremiti

Le isole Tremiti, considerate le Perle dell’Adriatico, sono l’unico arcipelago italiano e dal 1989 costituiscono la Riserva naturale.


Situate a largo della costa pugliese, in provincia di Foggia, il comune fa parte del Parco Nazionale del Gargano e, nonostante le dimensioni ridotte costituiscono un importante centro turistico.
L’arcipelago è costituito da cinque isole: San Domino, San Nicola, Caprara, Pianosa e Cretaccio.

Le Tremiti, isole tanto care al cantautore italiano Lucio dalla che, in questo luogo, ha composto parte dei suoi capolavori musicali.
Un profumo di Aleppo e di natura incontaminata, con il retrogusto della salsedine marina solo soltanto alcune delle esperienze olfattive che accolgono, sin dall’arrivo, il visitatore.

Più volte destinatarie del prestigioso riconoscimento, la Bandiera Blu, le isole Tremiti sono famose ed apprezzate per la qualità delle acque di balneazione, per la sorprendente bellezza dei fondali marini e per i vivi e particolari colori del mare.

Come raggiungere le isole Tremiti?

Trattandosi di un arcipelago, le isole Tremiti sono raggiungibili comodamente via mare, scegliendo tra le compagnie che offrono il servizio di trasporto dalla terraferma all’isola.
Per raggiungere le isole Tremiti con i traghetti che partono da Vasto è richiesta una navigazione di circa due ore. È, appunto, possibile imbarcarsi dal porto della città di Vasto, facilmente raggiungibile in auto, in treno oppure in aereo, fermandosi all’aeroporto di Pescara.

Come prenotare il biglietto del traghetto?

Sicuramente, organizzare una vacanza richiede innanzitutto la capacità di riuscire a conciliare gli appuntamenti con i mezzi di trasporto. Nel caso specifico del traghetto, infatti, è opportuno considerare attentamente quale fascia oraria scegliere per l’imbarco, al fine di soddisfare al meglio eventuali richieste e necessità personali.

Molte compagnie di navigazione, che si occupano di garantire il servizio di trasporto per la tratta Vasto – isole Tremiti, hanno un proprio sito Internet facilmente accessibile e navigabile.

Utilizzando uno smartphone, un tablet oppure un pc, è possibile ricevere celermente informazioni in merito alla data di partenza, agli orari disponibili ed al costo finale del biglietto.

Il futuro viaggiatore potrà, selezionando le caselle che compaiono nel menù a tendina, i servizi richiesti e le proprie esigenze di viaggio. Difficilmente, però, potrà inserire i dati relativi al veicolo da imbarcare. Infatti, considerate le dimensioni ridotte delle Tremiti non sempre è consentito l’imbarco, ed il conseguente sbarco sull’isola, dei veicoli dei viaggiatori.

Perché le isole Tremiti sono anche chiamate Diomedee?

Le isole tremiti sono conosciute anche come isole Diomedee, in onore del guerriero greco Diomede.

Una leggenda, infatti, narra che la nascita dell’arcipelago sia avvenuto per mano, forse involontariamente, di Diomede; il quale lanciò nelle acque del Mar Adriatico tre mastodontici sassi che aveva portato con sé da Troia. Successivamente questi sassi ritornarono a galla sotto forma di tre isole, ossia San Domino, San Nicola e Caprara.

Un’altra leggenda vuole che la vita dell’eroe greco, protagonista dell’Iliade, ebbe fine nell’arcipelago, dove si ritirò insieme ai suoi compagni.
Dopo la morte di Diomede, Venere trasformò i compagni del guerriero in uccelli, le Diomedee, affinché vegliassero il sepolcro dell’eroe e piangessero senza tempo il proprio condottiero.
Ancora oggi, è possibile udire i garriti delle Diomedee, che sembrano essere molto simili ai vagiti di un bambino.  


contentmap_plugin
Vacanze in Puglia