contentmap_module
Booking.com
Booking.com
Visitare Montecatini e scoprire l’antico culto dell’acqua - 1.0 out of 5 based on 1 vote

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Se siete diretti in Toscana e più precisamente a Montecatini, dovete sapere che questi territori speciali vi riserveranno non poche sorprese ed antiche rivelazioni.

 

Come quella che lega ad esempio Montecatini al tradizionale culto dell’acqua, ritenuto importantissimo in tempi antichi e responsabile della nascita di precisi luoghi ed affascinanti opere artistiche.

Un legame che avrete certamente intuito dalla possibilità di poter effettuare in città numerosi trattamenti benessere a base di acque termali e soggiorni da sogno in una delle tante strutture presenti nella città, splendidi hotel con centro benessere nel cuore di Montecatini Terme, per regalarvi delle piccole vacanze in oasi di benessere e piacere per corpo e mente.

L’elemento dell’acqua vi condurrà attraverso un itinerario speciale tra le strade della città, partendo proprio dai famosi stabilimenti termali racchiusi nel Parco delle Terme, un comprensorio naturale che fa da sfondo alle numerose strutture.

Tra le più famose abbiamo certamente le Terme Leopoldine, costruite verso la fine del Settecento e battezzate in questo modo in onore del Granduca Leopoldo.

Nel 1926 furono ampliate e vi colpiranno sicuramente per la bellezza artistica della facciata. Poi abbiamo il famoso Tettuccio, caratterizzato dall’ampia tettoia che anticamente ricopriva la sorgente, dalla quale nasce anche il suo nome particolare.

E’ probabilmente uno degli stabilimenti termali più grandi ed imponenti della città, costretto ad un ampliamento agli inizi del Novecento a causa della crescente affluenza al suo interno.

Poi ancora ci sono le Tamerici, nate nel 1843 ed immerse in un grande e rigoglioso parco verde, e le Terme Excelsior, nate nei primi anni del Novecento ed ampliate nel 1915, sono caratterizzate da un ampio porticato con maestose colonne in pietra.

L’elemento dell’acqua è tuttavia riscontrabile non solo negli stabilimenti termali, ma anche nella numerose sculture d’acqua disseminate nel territorio.

Ricordiamo ad esempio la Fontana Guidotti in piazza del Popolo, risalente al 1913 e caratterizzata da un ampio bacino tondeggiante fatto di bronzo e travertino. E poi ancora Fontana Mazzoni, concepita come completamento della nuova stazione ferroviaria negli anni Trenta, e la moderna Duetto D’Acqua, creata dall’artista giapponese Susumu Shingu nel 1997.

Senza dimenticare la recentissima Scultura d’Acqua del 2004 situata nel Parco Termale e realizzata dall’artista belga Pol Bury. Un incredibile itinerario di scoperta guidato dall’antico culto dell’acqua.


contentmap_plugin
Booking.com