Eventi
( Eventi )

Il 1° dicembre alla Casa della Musica di Parma (Piazza San Francesco 1) ParmaJazz Frontiere proporrà  In 2, il nuovo progetto musicale di Michele Rabbia (percussioni) e Eivind Aarset (chitarra elettrica ed elettronica).

Un luogo ideale di incontro per due artisti che da molti anni si muovono sui territori indefiniti dell’avanguardia, in una dimensione al di là dei generi e delle etichette che pure conserva molti dei tratti del jazz.

Ricordiamo che Michele Rabbia ha da pochi mesi pubblicato Dokumenta sonum, un dvd nel quale suoni elettronici, percussioni tradizionali e immagini si fondono nella ricerca di un unicum nuovo e indicibile. Eivind Aarset è a sua volta reduce da un'incisione (Dream Logic) nella quale la sua ricerca sulla sonorità della chitarra ha incrociato le raffinate improvvisazioni elettroniche di Jan Bang. Fra i tanti piccoli rivoli che confluirono nella corrente della musica afro-americana, infatti, c’erano anche le jug bands, quei gruppi in cui si suonavano, oltre agli strumenti musicali veri e propri, anche oggetti di uso quotidiano: le bottiglie (il termine jug significa appunto bottiglione), le tavole per il bucato (Washboard). E prima ancora nella tradizione africana c’erano i cosiddetti voice disguisers, oggetti utilizzati per imitare le voci della natura, per evocarne gli spiriti.

Oggi gli spiriti dell’aria e della terra, le voci del tempo e dei suoi grandi silenzi, si evocano anche attraverso elaborate strumentazioni digitali. Ma il senso della ricerca forse è ancora lo stesso.

Da quell’antico xilofono di pietra che molti studiosi catalogano come il primo strumento della storia ai campionatori elettronici la musica ha percorso molta strada: sempre inseguendo lo stesso, probabilmente irraggiungibile, orizzonte.

1 dicembre
Casa della Musica – ore 21.00
Michele Rabbia/percussioni
Eivind Aarset/chitarra elettrica, elettronica